aragon
aragon (1)
 
 

Ombretto Minerale Aragon – FinisTerre

12.00

Ombretto Minerale Aragon

Ombretto minerale in polvere libera. Spettacolare duochrome color ametista dai riflessi pervinca, luminoso e cangiante, rende significativo il makeup e lo sguardo. Must have!

Peso 2g

INGREDIENTS: CI 77891(Titanium Dioxide), Mica, CI 77491(Iron Oxide), CI77742 (Manganese Violet), Tin Oxide

1 disponibili

Qta

Ombretto Minerale Aragon

Ombretto minerale in polvere libera. Spettacolare duochrome color ametista dai riflessi pervinca, luminoso e cangiante, rende significativo il makeup e lo sguardo. Must have!

Un assortimento esclusivo di ombretti introvabili, nati dalla combinazione di puri minerali terrestri. Minerali purissimi e soli. Ciascun ombretto ricerca e trova quella nuance, consistenza, sfumatura, policromia e luce che rendono unico l’effetto finale.

Il top di Aragon: protagonista sulla palpebra mobile, due applicazioni una seguente all’altra, con pennello inumidito.

In jar dotata di flip top sifter, un erogatore richiudibile a saliera che da un lato facilita il dosaggio dell’ombretto, dall’altro impedisce la fuoriuscita delle polveri dal contenitore.

  • Formulato con i minerali più puri e più sicuri, composizione 100% minerale
  • Senza: petrolati, parabeni, conservanti, siliconi, ossicloruro di bismuto, nitruro di boro, carmine, alcol, oli, talco, profumi
  • Formulato per ridurre i rischi di allergie
  • Progettato fabbricato e confezionato in Italia – Made in Italy

APPLICAZIONE:

E’ consigliabile preparare la palpebra applicando un primer, oppure un velo di fondotinta o di correttore fluidi. Sollevare la chiusura dell’erogatore e versare un piccolo quantitativo di ombretto nel coperchio della jar. Prelevare quindi poca polvere con un pennello da ombretto, sbattendo leggermente sul bordo del tappo per eliminare la polvere in eccesso. Applicare sulla palpebra picchiettando.

 

Guarda gli swatches QUI 

Marca

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ombretto Minerale Aragon – FinisTerre”